backgroundf_joomla.jpg

 

Le Migranti (2014)

“Le migranti” è un’opera che racconta il sacrificio delle donne costrette a migrare, a lasciare la proprie terre, con in grembo propri i bambini ovvero senza di essi, in cerca di una vita migliore e in attesa di ricongiungersi con i propri cari.

Il bianco puro della porcellana rappresenta l‘innocenza di queste donne e il turchese invece l’immensità del mare. Ho voluto rappresentare un flusso continuo, senza inizio e senza mèta, eliminando la prospettiva.

Le parti più piccole sono, infatti, il simbolo della lontananza…la lontananza della mèta da raggiungere e, una volta raggiunta, la lontananza della propria casa. Al centro le figure assumono volutamente una dimensione maggiore, quasi a raffigurare il peso del viaggio, che più si fa sentire a metà percorso. Ed è a questo punto che entra in gioco il mare che inesorabile e forte, sembra quasi chinarsi al cospetto di queste donne coraggiose, bagnando i loro piedi al fine di offrire loro un po’ di sollievo.

Emanuela Battista

Misure: diametro 33 cm circa; Tecnica: piatto porcellana con trama “tessuto” impressa e piccole installazioni in paper clay; Materiali: porcellana, paper clay in porcellana, ox rame, cristallina neutra.

Slide background

LE MIGRANTI (2014)

Slide background

LE MIGRANTI (2014)

Slide background

LE MIGRANTI (2014)